Hotel/Residence Egger

Willkommen

Cultura & Cose da visitare

 

La storia del comune montano di Villandro ha radici antiche: numerosi reperti dell’età della pietra e della colonizzazione romana testimoniano insediamenti preistorici in questa località. Il paese di Villandro, oltre alla cordiale ospitalità, può vantare una lunga tradizione artistica e culturale. L’immagine del paese è caratterizzata dai due slanciati campanili gotici che si stagliano contro il cielo azzurro; le chiese conservano notevoli opere d’arte e la strada principale del paese è fiancheggiata da antiche case molto pittoresche.
 
 
La miniera di Fundres
 
 

Nel medioevo la miniera di Villandro, locato sul monte Pfunderer, era una dei più importanti del Tirolo. Dopo la sospensione dell' estrazione di minerali all' inizio del 20° secolo la miniera cadeva nell' oblio. Negli ultimi anni la miniera è stata rinnovata dall' associazione culturale e museale di Villandro e dal 2002 può essere visitato dal pubblico.
La prima citazione della miniera risale al 1140. Si estraevano argento, rame e piombo già dal primo medioevo fino a non molto tempo fa. Tutta la zona è ancora oggi assai interessante per collezionisti di minerali.

La Galleria elisabetta ha una lunghezza di 1670 m ad un’altezza di 1292 m s.l.m. Nella miniera di Fundres sono state scavate 16 gallerie, che hanno un dislivello di 750 m.
La maggior parte del lavoro si svolgeva in ginocchio o in posizione supina con un relativo supporto, poi, non appena si scopriva un giacimento consistente, si provvedeva ad ingrandire la galleria per consentire il trasporto del minerale o della roccia sterile tramite opportuni mastelli o carrelli, i famosi vagoncini da miniera. Grazie a un nastro (scivolo) la pietra della galleria intermedia rotolava giù nella galleria d’estrazione. Un mastello pieno di minerale arrivava a pesare 56 kg.
I minatori vivevano in media fino a 35–40 anni.

Per visite guidate e informazioni consultare l’associazione Turistica oppure direttamente il sito internet http://www.bergwerk.it/